Sabato hanno avuto luogo le celebrazione per il compleanno della Tennica, casualmente sono capitate il giorno giusto, come da tradizione si sono svolti a casa dell’ Irriducibile e hanno coinvolto me, l’ Artista, l’ Anarcoartista e la Perla di Labuan. In realtà il compleanno della Tennica è un evento minore (come quelli degli altri componenti del gruppo escluso uno) perché il vero avvenimento è da sempre il compleanno dell’ Artista che, fin da piccola ha costruito la mitologia del suo genetliaco, lavorando alacremente per farlo diventare quasi una solennità civile. Questa volta a causa delle note vicende l’ Irriducibile ha deciso che faceva tutto lei ( peccato perché per me i compleanni sono l’ occasione di sperimentare sugli ignari ricette strane e barocche tipo “ Vitello alla Vornoff). Il menù è stato “invernale” flan di finocchi con salsa al parmigiano ( impazzita ma risolta “manu militari” con il mixer), brasato al barbera con purè, torta al cioccolato fatta in casa che sembrava di pasticceria. Abbiamo mangiato tutti con entusiasmo con esclusione della Perla ( “c’é il vino mi avete ingannato !” “ Ma è cotto !…” “ Non importa non mi piace “). La Perla si è riscattata sul finale della serata con un “ovviamente si..” infilato nella conversazione con nonchalance ( ricordo ancora con emozione il primo congiuntivo a quattro anni..) e una dichiarazione finale da vera signora “Mi sono divertita, è stata veramente una bella serata!”

L’ Irriducibile cucina bene, a parte un minestrone paludoso in viaggio di nozze, ma è esponente di una cucina “dommatica” dove c’ è un solo modo di fare le cose (il suo) anche nei dettagli ( va frullato in quello e solo in quel recipiente !), quindi, per riprendermi, una ricetta modificata da me:

Brasato al Barolo

Premessa: è un piatto invernale, facile ma richiede tempo e pazienza, un pezzo di carne rossa tagliata da un bravo macellaio (razza in via d’ estinzione) non troppo magra, l’ ideale sarebbe di bue grasso ma la si trova solo a Natale, un vino non necessariamente Barolo (è inutile sprecare per filologia) basta che abbia un buon corpo ( Barbera no Oltrepò, Nebbiolo, Rosso di Montalcino, Primitivo ecc)

Ingredienti (per 6 è un piatto da mangiare in compagnia): 1 ½ Kg di carne, 1litro e 1/2 di vino (il resto lo bevete), 5 carote, 3 cipolle, due coste di sedano, alloro, prezzemolo, 5 bacche di ginepro, 5 grani di pepe, 5 chiodi di garofano, 4 foglie di alloro,un rametto di rosmarino, due fette spesse di pancetta non affumicata, olio

Preparazione: Un giorno prima mettere la carne a bagno in un luogo fresco col vino, le spezie, una cipolla, due carote e una costa di sedano. Preparate un soffritto ricco ( cifr. Kitchen For Dummies 2).Scolate la carne, asciugatela, fatela rosolare nel soffritto e quando é rosolata bagnatela con il vino filtrato dalle spezie, aggiungete una mezza patata (servirà a addensare il sugo) e lasciate cuocere a fuoco bassissimo per 3 o 4 ore girando la carne ogni tanto. Se vedete che il sugo si addensa troppo coprite in parte la pentola e in caso di necessità aggiungete un po’ di brodo caldo ( no vino perché se non cuoce resta troppo aspro). Al termine della cottura, regolate di sale e pepe, togliete la carne e quando è fredda tagliatela in fette da 1 cm e frullate il sugo. Al momento di servire rimettete le fette nel sugo e scaldate.

Biblio: Cuochi si diventa 1 A.Bay Feltrinelli, Le ricette regionali italiane A.Gossetti della Salda Ed. Solares

 

Advertisements