Le contraddizioni dell’estate sono rappresentate dal fatto che i piatti estivi, con l’eccezione delle insalate, mentre gratificano il palato, obbligano il cuoco a una vera abnegazione alla causa.
Infatti fritto misto, carpioni, caponate, verdure ripiene costringono il tapino a lavorare come in una sala macchine di traghetto, tra fumi bollenti e vapori ustionanti.
Io trovo la sfida interessante e osservato con aria scettica dall’Apprensiva (che cerca anche di sigillarmi in cucina peggiorando la situazione ambientale) affronto il cimento con la radio a palla e il ricordo di qualche griglia al Festival dell’ Unità . A gentile richiesta ho fatto la caponata siciliana che è risultato un piatto commovente.

Caponata Siciliana
Ingredienti: 500 gr di melanzane, 300 gr di pomodori da sugo, 300 gr di cipolle gialle, un sedano, 150 gr di olive kalamata, un pugno di capperi,1/2 bicchiere d’aceto bianco, olio, sale, zucchero, basilico

Preparazione: tagliare a fette di 1/2 cm le melanzane e cospargerle di sale grosso, far imbiondire la cipolla tagliata a fette, aggiungere i pomodori sfilettati senza semi, il sedano e un pugno di capperi e far cuocere. Sciacquare dopo un’oretta le melanzane, asciugarle e friggerle in olio di semi, scolarle farle asciugare nella carta e aggiungerle al sugo. Far scaldare il tutto, dare una spolverata di zucchero, far sfumaremezzo bicchiere d’ aceto, salare e aggiungere il basilico.Versare in un recipiente di vetro chiuso e far raffreddare in frigo per almeno un’ora prima di servire.

BIBLIO Le ricetta regionali italiana A. Gossetti della Sala Solares