Antefatto: Trenitalia ha affidato la manutenzione dei vagoni letto a una società esterna, qualche mese fa i dipendenti di questa società, in arretrato di quattro mesi di stipendio, si sono messi giustamente in sciopero, Trenitalia, che ha scelto l’esternalizzazione e fatto i relativi contratti, reagisce con un comunicato agli utenti dicendo che non accetta più prenotazioni.   Quelli che hanno prenotato, se non vogliono disdire, saranno trasportati in qualche modo (vagon lit se non si è guastato o  carro buoi) e se proprio non sarà possibile avranno il rimborso del biglietto.
Ormai si sa benissimo che Trenitalia  e il suo ineffabile AD Moretti ( quello delle coperte per l’avvio dell’alta velocità) è interessata unicamente a sfruttare in regime di monopolio la tratta TO-MI_BO-FI-ROMA costruita con i soldi dei contribuenti e considera  i prorpri clienti sudditi rompicoglioni, ma il fatto che in cinque mesi non sia riuscito a risolvere il problema di un suo subfornitore e dia informazioni criptiche e lacunose agli utenti  senza fornire alcuna assistenza è veramente scandaloso.

Naturalmente questo ha avuto ripercussioni sull’ Artista e La Perla: all’andata è andato tutto bene grazie a un talismano regalato alla Perla da un bagnino amico, al ritorno l’Artista è entrata in fibrillazione tre giorni prima maledicendo il fato e le ferrovie. Siamo andati a Brindisi con un’ora di anticipo e mentre io, Magda e la Perla  ci siamo piazzati al Bar a consumare sprite, coca e pizza l’ Artista è andata a chiedere informazioni. Mentre ci stava raggiungendo La Perla chiede a Magda Che faccia ha la mamma? Magda Non vedo bene …La Perla Mi sembra niente di buono….In effetti l’Artista aveva appena avuto uno scontro con l’ unico bigliettaio/addetto alle informazioni, interessato solo a telefonare per i cazzi suoi e a maltrattare gli extracomunitari, che per togliersela di torno le aveva comunicato che il suo vagon lit non c’era. Avviandosi alla stazione l’Artista piangiucchiava per la rabbia e la preoccupazione, La Perla, accarezzando il  talismano al collo Non piangere mamma, prega!!!

Il vagone c’era