In effetti quest’anno anch’io ho avuto qualche ritrosia sul compleanno, soprattutto perché  la cifra era tonda e robusta, ma siccome le statistiche hanno deciso di considerare giovani quelli fino a trent’anni, non ci penso troppo. L’ultima rata dei festeggiamenti è stata a casa di amici per una cena pugliese in commemorazione delle vacanze: una vera cena meridionale di quattro ore con discorsi di umanità varia e cibo sovrabbondante, rimarchevoli fra l’altro il pureé di fave con verdure piccanti.
In questa occasione ho completato la terna dei migliori regali degli ultimi anni: un oggettino che dimostra che quando il kitch supera se stesso acquista una sorta  bellezza. D’ora in poi troneggerà nella mia cucina. Il secondo è stato  un quadro della Perla che è ora appeso in salotto (da rimarcare la delicata figura del cuoco con cucchiaio di legno) oltre naturalmente all’Eternauta di cui ho già parlato.

In occasione della cena ho preparato le orecchiette con un sugo di pomodoro, dove le  polpette ai capperi dialogavano amabilmente con le bricioline alla menta, non so se fosse rigorosamente pugliese ma era estremamente buono.

Orecchiette con polpette e bracioline

Ingredienti: (per  otto) 1Kg di orecchiette fresche integrali, 600 gr di tritata di manzo , 600 gr di fettine sottili di vitello, 1,5 Kg di pelati a pezzettoni, due cipolle grosse, 2 uova, pecorino semi stagionato (Rodex), cacio ricotta, pan grattato, capperi, foglie di menta, dl 1 di brodo, un bicchiere di vino bianco, olio d’oliva, olio di arachidi, prezzemolo, sale pepe

Preparazione: mescolare la tritata con le uova, due manciate di pecorino, due di pan grattato e una di capperi sminuzzati, regolare di sale e pepe, fare palline di cm 1,5 di diametro e friggere nell’olio d’arachidi. Tritare le cipolle e farle appassire, aggiungere il pomodoro, il brodo e far cuocere per mezz’ora. Tagliare le fettine in quadrati 5 x 5 cm salare leggermente, aggiungere il pecorino e un paio di foglie di menta, arrotolare e sigillare con uno stuzzicadenti, scaldare in una padella due cucchiai d’olio far rosolare le braciole e sfumarle con il vino bianco. Versare polpette e braciole nel sugo, mettere una manciata di prezzemolo e far cuocere per una mezzora aggiungendo brodo se si asciugasse troppo, regolare di sale e pepe. Cuocere le orecchiette ( attenzione quelle fresche cuociono in tre minuti), impiattarle aggiungendo il sugo ( suddividere polpette e braciole in modo equo) spolverare di cacioricotta e servire.