Il mio primo incontro con il pc è stato con un coso marron beige, con lo schermo a caratteri gialli, che parlava solo dos, ma è ero affascinato da quell’aggeggio che faceva cose interessanti (sopratutto elenchi) sulla base di ordini criptici da stregone medioevale. Poi è arrivato il primo mac, quello senza hard disk,  un coso strano che ti parlava con umanità e con cui potevi realizzare subito un mucchio di cose utili e interessanti. L’unico programma esoterico era Hyperlink (ancora adesso mi chiedo cosa servisse). Poi ho continuato prodotto dopo prodotto, ricordo con affetto il primo portatile e quello che veniva mangiato dal box della scrivania (fatto comprare all’azienda con l’inganno). Sono rimasto un fedele anche nel periodo buio e non me ne pento…

Steve è morto e mi sono accorto che è quasi come fosse mancato uno di famiglia, non uno stinco di santo come molti di famiglia, ma uno dei tuoi e mi dispiace anche se era previsto da molto tempo…….La morte è una severa democratica.