IMG_0847A volte la memoria fa strani scherzi…..
Antefatto molti, molti anni fa Io e l’ Irriducibile in preda a temerarie innovazioni educative avevamo deciso che le due tenere progenie ( 10 e 12 anni  mi sembra) cucinassero una sera alla settimana, con l’intento di fargli comprendere quanto si faceva per loro tutti i giorni e di prepararle a future coabitazioni.
L’ Artista, già in preadolescenza malmostosa,  aveva subito puntato sul locale salumiere ed era stata duramente rimbrottata per lo spreco di denaro e la poca applicazione ai bisogni familiari. La Tennica, complice un corso di cucina senza fuochi a scuola, si era applicata di più con una serie di piatti inizialmente commestibili e col tempo anche buoni. Fra questi lo sformato di cavolfiore mi sembrava il meglio riuscito.
Fatto L’altra sera tornando a casa da una deprimente giornata di lavoro, mi sono ricordato di aver promesso all’Apprensiva  di cucinare il cavolfiore, ma   il pensiero di concludere la serata con il cavolfiore al vapore mi sembrava autolesionista e quindi ho pensato di fare il piatto a memoria. Cavolfiore, prosciutto cotto, besciamella, cubetti di mollica di pane, uova  e parmigiano. Il risultato è stato deludente ( anche estetico la foto riprende solo il lato buono): il classico piatto in cui i componenti sono buoni in sé, ma sembrano stare lì per caso, come certe compagnie mal riuscite. Chiederò delucidazione e riproverò…….

Annunci