So che può sembrare un discorso da vecchi, tutto cambia e considerare negativamente  i cambiamenti è da vecchi, ma bisognerà pure dire che la sostituzione dei blog con il flusso continuo  dei cinguettii e dei “face” ha due aspetti negativi: la comunicazione si consuma in poche battute subito cancellate da quelle successive e questa modalità permette anche a quelli che non sanno articolare un discorso e un congiuntivo di comunicare allegramente coprendo tutto con il loro chiacchiericcio ilare o ringhioso che sia. Era forse meglio quando lo facevano al bar o sui blog dove almeno qualcuno poteva moderarli.
Forse sono discorsi da vecchi……. ma in fondo anche Socrate criticava la scrittura perché avrebbe fatto sparire l’ oralità e la capacità di ricordare….

Tre anni fa ho scrittu un piccolo post sul mio macellaio che aveva chiuso Bruno l’ultimo macellaio, e alla vigilia di Capodanno ho ricevuto questa mail:

Buonasera,

sono L. ,la figlia minore di Bruno. Solo ieri per caso, ho scoperto il suo articolo su internet (di cui allego copia) e nel leggerlo mi ha fatto commuovere.

Purtroppo, a causa della malattia, papà è mancato a fine Agosto scorso.

La ringrazio veramente per le belle parole sul mio papà, anche perché leggendo quelle poche righe,ho rivisto davanti a me l’ambiente del negozio che ho vissuto per anni.

Io e l’Apprensiva ci siamo commossi alle lacrime e io ho pensato che valeva la pena lasciare la traccia di qualche pensiero…….