Qui il tempo é decente rispetto al resto d’Italia, ma ricordando le interminabili giornate di sole e mare calmo a cui eravamo abituati ci sembra che il contratto con gli dei del Salento non sia stato rispettato. Anche la campagna barbecue ha avuto i suoi inciampi. Appena arrivati ho sfidato il padrone di casa, pensando di vincere facile con le mie costine alla Texana e i kebab con i miei nuovi spiedini a spada. Peccato che abbia strofinato le costine di maiale con il peperoncino forte anziché con il dry rub, me ne sono accorto sul finale , le ho lavate, massaggiandole con i il dry rub ma non hanno potuto marinare, risultato buono ma non leggendario. L’ impasto per il kebab é venuto molto buono, ma al momento di montarlo nei miei mitici spiedini non stava su e ho dovuto montarle a polpette, in piú uno l’ho girato che non era ancora rosolato e si é spaccato. I commensali hanno apprezzato ma non esultato e siano arrivati a un equo pareggio con le costolette di capretto tradizionali del mio ospite.

Pensando a una rivincita mi sono messo a ricercare in Puglia un barbecue chiuso per la cottura indiretta,  oggetto incomprensibile per i locali, trovandolo alfine, sotto lo sguardo commiserevole dell’Apprensiva, al Leroy Merlin di Messagne. Fiero dell’acquisto mi sono messo all’opera per realizzare la Bacon Bomb, ma ( seguendo le istruzioni) ho messo troppo poca carbonella e quindi dopo quasi due ore non era ancora cotta e ho dovuto terminare in forno (darò la ricetta appena l’avrò fatto per bene)

L’Apprensiva sostiene che queste disavventure siano in gran parte dovute a una certa presunzione da parte mia e io non so dargli torto

Adana Kebab

Ingredienti: 1kg macinato di agnello, 2 cipolle, 3 peperoncini piccanti, uno spicchio d’aglio schiacciato, un pugno di prezzemolo, un cucchiaino da the di paprica dolce, due cucchiaini da the di sumak, due pizzichi di sale, una girata di pepe nero

Preparazione: mescolare tutti gli ingredienti e poi far riposare in frigo per un paio d’ore,  spalmare il composto sugli spiedini a spada, grigliare sulla carbonella girandoli una sola volta quando il lato al fuoco sará rosolato. Servire su riso basati bollito

Ps questo post non ha foto per malmostositá dell’autore