Approfittando del fatto che l’Artista é ospite del Festival dove lavora con la Lettrice, abbiamo tre New Entry  nella banda: la Perla, Gió e la sua mamma la Superapprensiva. Il viaggio di andata é stato funestato dal cattivo umore della Perla, mancava solo che ringhiasse… poi tutto si é superato con un chiarimento P non ce l’ho con voi é solo che volevo esserci con la mia mamma ! Io ma deve lavorare, vedi come é felice? P. certo! é da parecccchio che non la vedo cosí e un pensiero concorde con Gió nel criticare il loro primo incontro Il nostro posto sul mondo di Nicoletta Lanciano, la Perla e Gió in coro era una schifezza, roba da bambini piccoli… Volevano farci credere di essere al polo nord e che un albero potesse arrivare al centro del mondo… Io  la solita cialtronata di chi crede che i bambini siano degli adulti deficienti e che non si possa spiegargli il mondo in modo scientificamente corretto   Ma non c’è niente di meglio della tigna per affratellare gli animi e i due hanno partecipato agli altri appuntamenti con grande concordia inframmezzata con litigi da vecchia coppia. Al battistero Io  pensate é vecchio di mille anni P. Davvero? Gió veramente sono 920….Fra gli incontri rimarchevoli per me quello sulla Morte umana con Marie de Hennezel in cui si spiegava come comunicare alla famiglia e non al paziente che le cure disponibili attualmente sono esaurite crei un muro nell’ultimo periodo di vita. Daverio nell’incontro su Nuvolari e la velocità fa un discorso erudito che non dice nulla e non parla di Nuvolari. Sontuoso pasto ai  Ranari  in cui si é distinto un tortino di zucca con crema di taleggio e spek croccante che mi hanno rubacchiato tutti i commensali