IMG_2286Quando lunedì mi sono affettato il dito, il secondo pensiero ( il primo è stato ma quanto sarò c…) è stato come avrei fatto per la cena di compleanno dell’Apprensiva prevista per sabato con un gruppo di amici scelti.
L’Apprensiva, pratica e rinunciataria, ha proposto di cavarcela con affettati, formaggi e piatti fatti, ma io, che non amo essere travolto dalla mia stupidità, ho pensato che, con l’aiuto dell’abbattitore e rinunciando ad alcuni piatti (era escluso diliscare le acciughe), si poteva fare, diluendo la preparazione in tre giorni.

Alla fine ho presentato: hummus tradizionale, hummus alla barbabietola, melanzane dell’iman svenuto, pollo teriaky, bucatini all’amatriciana ( per vendicarmi del guanciale assassino), burghul ai gamberi e verdure. L’apprezzamento è stato generale, ma il pollo e le melanzane sono stati i primi a finire …


IMG_2287Burghul alle verdure e gamberi

Ingredienti: 100 g di burghul, 200 g di gamberi piccoli puliti, un peperone, un cipollotto, due carote, un pomodoro, una costa di sedano, un limone, olio evo, peperoncino, vino bianco, sale.
Preparazione: tagliare le verdure a piccoli pezzi e metterle in una ciotola capiente, saltare i gamberi in poco olio, sfumare con il vino bianco e far raffreddare. Cuocere il burghul al dente e unirlo alle verdure e ai gamberi, regolando di sale, peperoncino, olio e limone.