You are currently browsing the tag archive for the ‘avanzi’ tag.

IMG_2199Oggi l’Apprensiva mi ha abbandonato per pranzo e quindi volevo approfittarne per consumare alcuni avanzi senza deprimermi troppo.
L’idea era cucinare una avanzo di tagliolini freschi alla chitarra con un sughetto alla pancetta; purtroppo la pancetta non c’era e quindi l’ho sostituita con un nobile speck di Sauris, ma anche le tagliatelle, pur essendo scadute solo da qualche giorno, mostravano una cera poco raccomandabile e allora ho pensato di ripiegare su alcuni fogli di lasagne velo Rana. Purtroppo la sfoglia velo era troppo sottile per farne delle tagliatelle e quindi bisognava virare su una pasta al forno, non avevo latte, ma ricordavo di una confezione di panna di montagna in fondo al frigo. Naturalmente anche quella era scaduta e non edibile, ma quando il gioco si fa duro i duri cominciano a giocare: ho passato al mixer con acqua un pezzo di gorgonzola cremoso e l’ho utilizzato come base per la besciamella. Il risultato è stato gradevole, l’affumicato dello speck dialogava con la besciamella al profumo di gorgonzola. Ero talmente contento che ne ho avanzato un pezzo da far assaggiare all’Apprensiva.

Pasta al forno al sugo di speck e besciamella al gorgonzola

Ingredienti (2) : uno scalogno, una fetta spessa di speck, 210 gr polpa di pomodoro, 300 ml acqua, 30 gr gorgonzola cremoso, 20 gr burro, 20 gr farina, 4 fogli sfoglia velo, parmigiano, sale, peperoncino.
Preparazione
: Tritare lo scalogno e soffriggerlo con poco olio e con lo speck tagliato a pezzettoni, aggiungere la polpa di pomodoro, cuocere fino a quando il sugo è addensato, aggiungendo poca acqua se il caso, regolare di sale e peperoncino. Frullare il gorgonzola con l’acqua e filtrare, fare una besciamella abbastanza densa. Ungere di burro una teglia piccola e comporre a strati, cominciando con una sfoglia e terminando con la besciamella su cui distribuire un pugno di parmigiano. Cuocere in forno a 180° fino a che non sarà ben gratinata.

Lasagne fUn milione di anni fa, appena sposato, avevo cominciato a giocare a bridge, mi piaceva la sua esattezza e la crudeltà dello scorrere del sangue ( a volte mio e spesso degli avversari) partecipavo ai tornei e qualche volta vincevo qualche cosa, poi una notte mi sono domandato se non stessi sprecando le mie energie intellettuali in ambienti fumosi, in compagnia di gente che non mi era sempre simpatica (a parte il memorabile incontro in un circolo torinese con l’Infanta di Spagna, una signora vecchissima che mi aveva sonoramente stracciato) e ho smesso di botto.
Negli ultimi anni su istigazione della mia amica P (custode delle sacre tavole della legge e bridgista più paurosa del mondo) ho ripreso a giocare con amici, in partite molto parlate e surreali che assomigliano al poker di Quella strana coppia. Ultimamente ho preso l’abitudine di preparare la cena pre-partita, impegno che richiede doti di fantasia e improvvisazione perché la padrona di casa P non mangia pesce e F, il maestro del gruppo, non mangia carne. Di qui alcuni esperimenti di cui darò conto.

Lasagne del boscaiolo

Ingredienti: una confezione di lasagne Rana (inutile faticare), uno o due porcini, 3 etti di finferli, un pugno di marroni, due fette spesse di speck, prezzemolo, un litro di latte, 100 g di farina, 100 gr di burro, parmigiano, pan grattato, noce moscata, aglio, olio, pepe sale.
Preparazione: pulire il funghi, tagliarli a pezzetti e farli cuocere in poco olio su cui avrete rosolato l’aglio. Preparare la besciamella sciogliendo il burro e mescolandolo con la farina, aggiungere il latte (freddo se no si fanno i grumi) e portare a bollore, spegnere e regolare di sale , pepe e noce moscata. Mettere i marroni ad arrostire per mezz’ora a 150°, pelarli e frantumarli, tagliare lo speck a cubetti. Preparare le lasagne alterando uno strato di funghi e besciamella a uno di castagne speck e besciamella, terminare con besciamella, parmigiano, pan grattato e qualche spicchio di burro. Infornare per 30 minuti a 180°

Avanzi

Il giorno successivo non volevo sprecare gli avanzi e ne è uscita questa lasagna che, nella sua semplicità, era più buona del piatto precedente.
Ingredienti: un avanzo di lasagne, un avanzo di besciamella, un avanzo di speck, una cipolla, una scatola di polpa di pomodoro, pan grattato, parmigiano, olio, burro, prezzemolo e peperoncino
Preparazione: tritare la cipolla e far soffriggere con lo speck, aggiungere la polpa e far stufare aggiungendo acqua se diventasse troppo densa, aggiungere il prezzemolo e regolare di sale e peperoncino, aggiungere la besciamella. Mettere la salsa fra uno strato e l’altro terminando aggiungendo alla salsa il parmigiano e il pan grattato, mettere qualche spicchio di butto e infornare per il tempo precedente.Lasagne A

 

IMG_1086Siamo a fine vacanza e bisogna finire cibarie e compiti.  Con l’arrivo degli “scozzesi” il dibattito si è animato con alcuni temi proposti dalla Perla : gli abiti da sposa costano meno in America, ma sono più pacchianiio non ci credo e quindi vengo solo alla festa….. però se la damigella ha un vestito coi volans e distribuisce petali nella navata, allora vengo anche  in chiesa uniti al tentativo furtivo di utilizzare la bacchetta magica costruita dal Paziente per unire i due piccioncini.
Gli ultimi compiti riguardavano le equivalenze e l’Artista forte delle sue ascendenze classiche dichiarava la sua indisponibilità al certame, ci abbiamo lavorato tre giorni (… ma cosa diavolo servirà mai l’ettometro?) poi l’epifania:  P. finalmente ho capito!, grazie per avermelo spiegato neanche papà ne aveva capito molto, così ì problemi sono quasi divertenti.. Ci siamo dati il cinque per la fine dei compiti e io sono ingrassato di duecento decagrammi.
Con la fine delle vacanze anche la cucina tende a eliminare gli avanzi intrasportabili: insalata di patate alla maionese e lasangne di avanzi…..

Lasagne di avanzi
Ingredienti: 1 confezione di lasagne sottili Rana quasi intatta,  300 decagrammi di involtini al sugo avanzati, una scatola di polpa di pomodoro, una scatola di piselli, 80 decilitri di latte, 0,1 Kg di burro, 100.000 milligrammi di farina, pecorino da grattare, sale, pepe, pan grattato
Preparazione: tritare al coltello le rolatine e unirle in pentola con il sugo, i piselli e il pomodoro far sobbollire fino a che risulti un sugo compatto. Preparare una besciamella un po’ densa e arricchirla con il pecorino grattato. In una teglia imburrata mettere una lasagna, il sugo, la besciamella e seguire, terminando con la lasagna, coprire con pan grattato misto a pecorino e riccioli di burro,  mettere in forno a 180° fino a quando non si forma una bella crosticina. Fra raffreddare e servirlo alla sera dopo averlo riscaldato.

Al ritorno dalla festa di compleanno della Perla, ho posto all’Apprensiva la fatale domanda cosa vuoi mangiare questa sera ? Lei si è incupita perché come già le capitava con sua madre questa non è una domanda ma un’affermazione: sono sazio e non ho fame, cosa posso farti da mangiare di veloce e poco impegnativo ?
Risultato: ha rimangiato a sera un’insalata mista ( peraltro molto buona con foglie di luppolo e cacioricotta). Per farmi perdonare il giorno successivo ho deciso di salvare una melanzanona rimasta orfana in frigo riempiendola con quello che c’era.

Melanzana ripiena con quello che c’è
Ingredienti: una melanzana grossa, mezzo bicchiere di sugo al basilico, parmigiano, pan grattato, peperoncino, qualche foglia di menta, olio, burro, sale.
Preparazione: tagliare a metà la melanzana e con un coltello curvo staccare sommariamente il cuore dalla buccia, mettere in forno a 150° fino a che la melanzana non è amollata. Scavare con un cucchiaio le due mezze melanzane e mescolare lo scavato con parmigiano, pan grattato e sugo fino a ottenere un composto abbastanza solido, salare mettere il peperoncino e la menta, riempire le mezze melanzane ,spolverandole con il parmigiano,  mettendo due pezzetti di burro. Infornare a 180° in una teglia oliata per 20 minuti. Sono buone calde, tiepide e fredde.

Chi sono

Zenone (non il filosofo, ma quello dell’ Opera al Nero) 63 anni, lavora in editoria, una grande passione per la cucina, una compagna l’ “Apprensiva” due figlie la “Tennica” e l’ “Artista” una nipote “ La Perla di Labuan, una ex moglie poco ex l' Irriducibile e un procedimento penale in corso per una vicenda medico-farmaceutica. Io mi dichiaro innocente (come tutti, anche quelli nel braccio della morte) ma posso invocare la testimonianza di quelli che mi conoscono : non sono mai passato con 11 pacchetti nella cassa da 10. Il 25 ottobre sono stato sollevato dagli "arrosti" ma Woodstock resta in gabbia fino a che la faccenda non sarà conclusa......03-02-12 ASSOLTO PERCHE' IL FATTO NON SUSSISTE 11-09-12 si aggiunge al gruppo il Paziente friulano, marito che, pur essendo italiano e ivi residente, la Tennica ha trovato in Patagonia. Nella compagnia è sempre più presente SuperMax, nipote diciottenne dell'Apprensiva, tanto entusiasta della vita quanto disinteressato alla scuola.

Scrivimi

zenone@arrostidomiciliari.it

Controllo delle é / è, ortografico a posteriori a cura della Tennica

Con questa ricetta partecipo al contest indetto da Cucina Semplicemente in collaborazione con Farina Antiqua macinata a pietra

Categorie