You are currently browsing the tag archive for the ‘bambini’ tag.

Invito Salone Libro

Annunci

PresentazioneSono arrivato a Torino che era quasi primavera e  la Perla presa dalle sue cose quasi non veniva a salutarmi, ma poi, stimolata dall’Artista, ha fatto la valigia mettendo quasi tutto… certo che se non mi ricordavo io le mutande…
Rapida merenda alla Locanda Leggera poi in tram verso la stazione.
P. in un suo momento da subdola “Imelda” lo sai che sulle scarpe Sniper non fanno i saldi?! Io rassegnato pazienza! Una signora vicino se andate a Londra o a Dublino ci sono Io possibilista forse magari un giorno… Signora, implacabile i saldi si trovano anche su internet, poi si sente un po’ in colpa per una mia occhiata assassina lo so perché mia figlia le ha comprate!

La presentazione
Grazie all’intervento di L. amica della Tennica la presentazione era organizzata alla Libreria Corteccia una piccola libreria specializzata in libri per bambini e d’arte, animata da Alice e Anita due intrepide ragazze che l’hanno inaugurata a novembre. Il parterre a differenza della prima presentazione era gremito di bambini ed è stato un successone, particolarmente nella realizzazione autonoma da parte della Perla del pollo teryaki ( in effetti gastronomicamente è come sparare sulla Croce Rossa), la Perla è partita un po’ svogliata, ma poi si è ripresa alla grande firmando i librini con la compunzione del grande autore. Io a firmare le dediche ai bambini mi sono commosso, soprattutto con il cinquenne Antonio scrivimi una dedica ad Antonio… e adesso leggimela!

Electronic & Aesthetic Device
La Perla ultimamente sta attaccata compulsivamente all’IPad e altrettanto compulsivamente si dipinge le unghie, Io sono quasi pentito di avertelo regalato, sei sempre attaccata! P. Solo quando sono dalla mamma e lei è peggio di me! Io comunque sei anche compulsiva nel dipingerti le unghie e le due cose “non ci azzeccano” ! P. Mpf……

Compiti
Poche cose sono più appaganti che fare saltuariamente i compiti con un’undicenne curiosa e interessata. Abbiamo fatto geografia correggendo anche, garbatamente, un concetto sbagliato del libro: Io non si può dire che l’Europa sia fisicamente al centro del mondo P. certo, il mondo è una sfera e ogni punto è il centro!

Film
La Perla sta veramente crescendo, accanto ai film per bambini, che le piacciono e spero che, come a me, le piaceranno sempre, si affacciata su filmografie più adulte e ha voluto andare a vedere La Teoria del tutto, un film sulla storia di Stephen Hawking, abbastanza complesso e impegnativo che è stato gradito da entrambi.

LasagneLasagne di gamberi e zucchine
Sabato venivano amici a pranzo e quindi ho pensato a un piatto da  fare il giorno prima che risultasse migliore il giorno successivo: le lasagne; però mi ero stufato di quelle tradizionali, quindi ho provato un ragù di gamberetti e zucchine, impreziosito dallo zafferano ed è stato un discreto successo.
Ingredienti: 250 gr di gamberetti surgelati, 4 zucchine, 3,5 dl di brodo di testa di gambero o di acqua di scongelamento dei gamberetti, 3,5 dl di latte, 50 gr di burro, 50 gr farina, lasagne velo, 2 bustine di zafferano, aglio, parmigiano, noce moscata e olio.
Preparazione: far stufare in poco olio le zucchine a pezzetti con due spicchi d’aglio, quando sono cotte al dente aggiungere i gamberetti sgelati, spolverare con due bustine di zafferano, regolare di sale e pepe facendo rapprendere il ragù. Fare una besciamella con il burro, la farina, il latte e il brodo ( attenzione i liquidi vanno aggiunti a freddo!) salare, spolverare di noce moscata e insaporire con un pugno di parmigiano. In una teglia imburrata, comporre gli strati cominciando dalle lasagne alternare il ragù e la besciamella, terminare con la besciamella, una spruzzata di parmigiano e qualche pezzetto di burro. Infornare a 180 ° fino a quando non si formerà una crosticina (20 minuti circa) e ….mangiare il giorno dopo ravvivandole in forno.

10689466_312894508918125_8200705346742626932_nEbbene si, siccome la prima volta ci è andata bene lo rifacciamo a Milano con il prezioso aiuto di L. l’amica “superorganizzata” della Tecnica

 

 

INVITO MI ABCucina

10689466_312894508918125_8200705346742626932_nAvuto finalmente in mano il librino non potevamo esimerci dal principale rito propiziatorio dell’ editoria: la Presentazione.
La presentazione costituisce uno dei fondamentali obiettivi dell’autore perché in tal modo pensa di avere notorietà e fama nonché la principale angustia dell’editore perché costa e magari non arriva nessuno ( in tal caso anche più autistico degli autori accuserà l’editore di non aver fatto abbastanza).
Nel nostro caso abbiamo potuto contare nell’affettuosa complicità della mia amica G., collaboratrice della casa editrice, che ha trovato un libraio disponibile e intelligente (Libreria Belgravia di Torino) mentre da parte nostra abbiamo allertato gli amici e procurato il necessario per uno show cooking. All’inizio la Perla era molto contenta, poi all’approssimarsi dell’appuntamento ha cominciato a essere assalita da ansie da prestazione, l’Artista poi ha fatto del suo meglio per incoraggiarmi la libreria è fuori mano… la copertina è brutta…la Perla non ha niente da dire e non si ricorda come cucinare…vedi di non avere aspettative elevate… Io, che so come vanno queste cose per averne fatte tante, ero tranquillo, ho solo telefonato alla Perla alla vigilia non ti preoccupare è un gioco, io parlo e tu se vuoi fai delle osservazioni sarcastiche, che ti riescono così bene… per la cucina ti aiuto io”
La Perla si è presentata all’appuntamento un po’ tesa, ma determinata, ha fraternizzato con gli ospiti ( molti erano di famiglia…) e mentre parlavo faceva le faccette strane e ha perfino risposto a qualche domanda dal pubblico O. qual è la prima cosa che hai cucinato? P mmm non mi ricordo… le uova strapazzate ( la madre finalmente contenta: ha insegnato a me a farle!) P. qual è la cosa che ti è piaciuta di più nel fare questo libro P. pratica il compenso….

Per i gentili ospiti abbiamo cucinato il pollo teryaki ( sparare sulla croce rossa) che è stato molto apprezzato da grandi e piccini; durante lo show cooking sono stato sgridato dalla Perla non si lecca il cucchiaio Io ma lo fanno tutti! P non in pubblico…

Avevamo cominciato quasi per gioco, per riempire parte dei week end in cui rapivo la Perla e non rincitrullirla troppo con Sky.
Ho proposto il metodo:io  ti do le istruzioni e sorveglio, tu fai tutte le operazioni; la Perla, nella sua ansia di autonomia, ha accettato con entusiamo e così abbiamo esplorato insieme le ricette di base della cucina italiana.

Dopo ogni seduta la ricetta veniva ricopiata su un quadernino nero, ma il quadernino nero veniva spesso dimenticato in una delle due case di Torino e alla fine scompariva nel caos primordiale della camera della Perla.
Per evitare che andasse tutto perduto come “…lacrime nella pioggia” abbiamo deciso di scrivere un librino e abbiamo pure trovato un editore lungimirante che lo pubblicherà per Natale.
A questo punto la nostra megalomania è cresciuta a dismisura e abbiamo deciso di fare pure una presentazione con annesso show cooking:

INVITO Pres TO

Gli Autori
Zoe vive a Torino dove frequenta la scuola media inferiore. Si arrampica in palestra e in montagna e disegna con molta passione, Corrado vive a Milano, ha un passato in editoria ed è un discreto cuoco amatoriale. Si incontrano spesso nei week end e, oltre a fare strane cose insieme ( Rimbalzopoli, Fiera della Sposa, Shopping compulsivo ecc.), per non rimanere prigionieri di Sky Kids hanno cominciato a cucinare. Con questa regola: Corrado dava le istruzioni e Zoe poteva operare in autonomia. Le ricette venivano trascritte da Zoe e regolarmente disperse nel disordine primordiale della sua cameretta. Per far sì che tutto questo “sapere culinario” non svanisse nel tempo i due hanno deciso di scrivere un libro.

Il libro
Non è un libro di giochi per bambini e non è solo un ricettario, ma è un percorso ragionato per l’apprendimento delle tecniche di base della cucina italiana, con una “spruzzata” di esotismo per non annoiarsi. Tutte le ricette sono state realizzate autonomamente dall’autrice con le istruzione e la sorveglianza dell’autore. Non sono stati maltrattati animali e i congiunti non sono stati obbligati a consumare piatti immangiabili. Si sono verificate solo un paio di scottature e un taglio piccolo sul dito indice dell’autrice.

Il libro è adatto anche ad adulti senza figli con scarse conoscenze culinarie che vogliano rimediare in segreto a queste gravi lacune.

 

imageLa giornata era cominciata maluccio: l’ URSS (Gió) aveva male agli occhi  e gli USA ( la Perla) non aveva avuto in prestito un Topolino da leggere a colazione ed era indisposta come un commendatore senza il Sole 24 Ore. Spediti con la navetta al loro appuntamento del festival  al ritorno si sono seduti a tavola cercando di non parlarsi. Vado a prenderli a un successivo incontro e li trovo seduti ai lati opposti del cortile, mi seguono a tre metri di distanza come due forzati; davanti a una granita interviene l’ ONU ” cos’è successo che vi odiate così?”  USA ” non si può neanche essere litigati? ” URSS ” io sto solo per conto mio ……”  ONU ” adesso dovremmo o andare  al Teatro Incosciente , se non la smettete vi porto ai giardini io leggo e non vi do la connessione” Armistizio a denti stretti e poi un’ora di divertimento comune , poi ai giardini dove scoppia l’incidente del Tonchino durante un’acchiaparella:  USA ” non puoi aver contato così in fretta fino a 50″ URSS ” non é colpa mia se sei cosí lenta… ONU ” adesso    basta vi sedete al lato della panchina, vi do la connessione è state buoni” ( benedetta internet) . Con l’arrivo della Tennica e un gelato da Grom la serata si conclude in gloria con i due che giocano ad acchiapparella  davanti al battistero. Illustri politologi interpellati su questa recrudescenza di guerra fredda hanno indicato come concause: la stanchezza per giornate piene, la tigna che caratterizza i due contendenti e per la Perla la mancanza di un rapporto continuato con la sua mamma.

Il viaggio da Torino è filato liscio, la Perla con la prospettiva di dover mangiare cervello di scimmia bollito ha sentito la musica dell’estate in Puglia e ha aperto bocca solo per chiedere siamo arrivati? quando eravamo arrivati.
In premio ha potuto mangiare sei rotolini con il pane al formaggio al ristorante indiano e avere in dono un magnete con Ganesh

Cartelli
P non sopporto quel supermercato, i cinesi sono andati via e i nuovi hanno messo un cartello con scritto gestione italiana Io hai ragione, potevano mettere prezzi buoni o qualità ottima, così è solo localismo ignorante

Musica
Io che musica ti piace P. mah…non so i Beatles..i Quenn Io e qualcuno di vivo?

Frutta di stagione
P io mangio solo frutta di stagione….vorrei i litchi  Io in Cina sono sicuramente di stagione, prendiamoli..

Dialogo nel buio 
Io non ho partecipato, ma la Perla dopo un primo momento di paura si è divertita molto e uscendo ha capito la fortuna era poterci vedere…

DUE E’ COMPAGIA, TRE E’ UNA FOLLA ( Krazy Cat)

Norme
Io in casa niente giochi di mano…. e neanche di piede Perla, solo lotte verbali Giò & Mike anche le parolacce? Io no solo insulti civili Gio & Mike cretino, stupido, deficiente…..sfruttatore (?)…donnaiolo (?!)

Sociologia Ardito esperimento sociologico mettere insieme un ottenne, una novenne e un decenne per scuola di cucina, la pizza e film. Geometrie variabili: sin dall’inizio due si mettono d’accordo e il terzo soffre, spesso la femmina si ritirava in orgogliosa solitudine ( tanto di qui prima poi dovrete passare…. )

Democrazia
Drammi sulla scelta del film, Gio (10) se due sono d’accordo il terzo deve adeguarsi è la democrazia Io non è proprio così quella è la dittatura della maggioranza, selezionate tutti i film che hanno due voti e poi scegliete quello che va meglio per tutti Gio ma è complicato!….Io la democrazia è faticosa Alla fine vince Labirinth  e io avendoci portato a suo tempo la Tennica e l’Artista non posso che approvare

Intelligenza collettiva 27 anni in tre il gioco più intelligente che hanno trovato è stato tirarsi palle di carta e/o cuscinate….e quelli del Post  vorrebbero farmi votare Renzi !?!!!

Torta di mele con le pere
La ricetta è per la torta di mele, ma la Tennica mi ha detto che quella di mele è la specialità dell’ Irriducibile con la Perla e io non voglio interferire

Ingredienti: 130 gr farina, pizzico di sale,  due uova, due cucchiai di zucchero, mezza bustina di lievito vanigliato, un bicchiere di latte,  due pere, gocce di cioccolatoPreparazione: mescolare farina, tuorli, latte, zucchero, sale e lievito, aggiungere le pere tagliate sottili e le gocce di cioccolato, montare a neve il bianco e aggiungere con delicatezza. Mettere in una teglia e cuocere a 170° per 45 minuti, lasciare raffeddare dentro il forno spento

Aiuto chef prima del lavoro

Le regole sono chiare: io do le istruzioni e sprono ( coraggio imbranati…quarda che con nove dita è tutto più difficile…assaggiare non vuol dire divorare…venite a lavorare pendagli da forca…) e intervengo solo in caso di pericoli gravi per persone e cose, prima ci si lava e si mettono i grembiuli, poi spiego il processo, alla fine la ricetta viene dettata per finire sul libretto nero della Perla, in caso di due aiuti le operazioni si fanno o insieme o un po’ per uno.

Pesce Finto ( ricetta digitata da Giò Giò)

Ingredienti: 800 gr di patate, 500 gr di tonno sott’ olio, 5 filetti di acciuga sott’ olio, un pugno di capperi dissalati, 1 oliva, 1 pomodorino lungo, 1 vasetto di maionese, 1 barattolo di cetriolini sott’ aceto, un limone, sale, pan grattato, 2 bottigliette di coca-cola ( per i cuochi )

Preparazione:

In questa operazione non ci sono stati danni a cose o persone

pelare le patate, tagliarle in pezzetti e cuocerle al vapore,

Anche qui nessun danno

scolare il tonno dall’ olio,

Momento carico di tensione

tritare i capperi e le acciughe.

Mettere tutto sul mixer e frullare,versare in una ciotola, aggiungere mezzo vasetto di maionese e regolare di sale e limone. Se il composto è troppo morbido aggiungere pan grattato.

A tre patate per uno è stato lunghissimo

Versare su un piatto largo e dargli la forma di un pesce.

Vivace dibattito fra arte realistica e astratta( La Perla) per la forma del pesce

Tagliare i cetriolini sottili per fare le squame, l’ oliva per l’ occhio, il pomodoro tagliato sottile per le branchie, i capperi per naso e bocca.

Lasciare in frigo per almeno un’ ora. Gustare.

Antico e moderno si incrociano

Chi sono

Zenone (non il filosofo, ma quello dell’ Opera al Nero) 63 anni, lavora in editoria, una grande passione per la cucina, una compagna l’ “Apprensiva” due figlie la “Tennica” e l’ “Artista” una nipote “ La Perla di Labuan, una ex moglie poco ex l' Irriducibile e un procedimento penale in corso per una vicenda medico-farmaceutica. Io mi dichiaro innocente (come tutti, anche quelli nel braccio della morte) ma posso invocare la testimonianza di quelli che mi conoscono : non sono mai passato con 11 pacchetti nella cassa da 10. Il 25 ottobre sono stato sollevato dagli "arrosti" ma Woodstock resta in gabbia fino a che la faccenda non sarà conclusa......03-02-12 ASSOLTO PERCHE' IL FATTO NON SUSSISTE 11-09-12 si aggiunge al gruppo il Paziente friulano, marito che, pur essendo italiano e ivi residente, la Tennica ha trovato in Patagonia. Nella compagnia è sempre più presente SuperMax, nipote diciottenne dell'Apprensiva, tanto entusiasta della vita quanto disinteressato alla scuola.

Scrivimi

zenone@arrostidomiciliari.it

Controllo delle é / è, ortografico a posteriori a cura della Tennica

Con questa ricetta partecipo al contest indetto da Cucina Semplicemente in collaborazione con Farina Antiqua macinata a pietra

Categorie