You are currently browsing the tag archive for the ‘Congo’ tag.

foto MNAnche quest’anno abbiamo chiuso il ciclo delle vacanze a Mantova con il Festivaletteraratura, ormai sono più di 15 anni che questa manifestazione rappresenta un appuntamento fisso: per finire in bellezza l’estate fra celi azzurri e mura dorate, per rimpinzarci prima delle diete invernali, per non perdere la speranza per paese e i suoi abitanti ( e ci sono stati momenti duri…), per riunire la famiglia e chiacchierare sui fondamentali della vita: buona cucina e letteratura.
Il più emozionante l’incontro con Roberto Satolli e Gino Strada su ebola, su come si può e quanto è difficile affrontare un’epidemia nel terzo mondo, restando umani.
Lo spettacolo più divertente Donpasta e l’Artusi remix, il trionfo dell’unto e delle melanzane alla parmigiana salentine.
Il più commovente Marcello Frigueras, autore del libro Kamchakta che consiglio a tutti, ottimamente presentato da Simonetta Agnello Hornby, la capacità di riproporre il punto di vista dei bambini in situazione estreme, per piangere e ridere.
Il più intressante Kazuo Ishiguro, autore di Quel che resta del giorno e del nuovo libro Il gigante sepolto, sulla perdita, a volte volontaria, della memoria, dell’utilità e i dei rischi di questa operazione.
Il più stimolante Luca Molinari su Napoli città nascosta e del suo modo di esplorare a piedi e con una macchinetta fotografica le città, alla ricerca della loro anima.
Il più interattivo Marcello Fois e Roberto Costantini chiedono alla platea, durante l’incontro sulla fascinazione del male, chi è il cattivo più cattivo al cinema e in letteratura?, varie risposte fra cui molte troppo televisive, per me è il Colonello Kurtz di Apocalypse now e Cuore di Tenebra: la scelta del male non per necessità o vendetta, ma per la sua geometrica potenza.
Il più deludente David Van Reybrouk, autore dello splendido Congo che consiglio a tutti per capire il disastro Africa, si è messo in testa che per superare i guasti della democrazia rappresentativa, bisogna passare a quella a sorteggio: scarso approfondimento culturale, molta presunzione e quella strana idea che hanno i belgi e gli olandesi che il mondo sia fatto tutto come i loro piccolissimi paesi. Quandoque bonus dormitat Homerus.
La famiglia la Perla non è venuta perché aveva da fare un mosaico e non c’erano coetanei con cui condividere l’evento, ma il resto della famiglia si è riunita ed è stata bene insieme, in particolar modo l’Artista che è riuscita a coniugare gli affetti familiari con i sui impegni artistici.
Il cibo sempre splendido, carnale e confortante, per i ristoranti bene i Ranari e L’Osteria del Broletto, in crisi Fragoletta che era stata la nostra prima scoperta, menù corto e senza idee, piatti riscaldati, fortunatamente una new entry: l’ Osteria  Bice della gallina felice, selezionata all’inizio per il nome, dove tre allegre signore e un souschef tatuato ci hanno piacevolmente sorpreso con, fra le altre cose, il Tortino di zucca con crema al parmigiano e mostarda di pere, un ottimo contrappunto di profumi e sapori di cui non posso scrivere la ricetta perché non la so, ma lo voglio riassaggiare il prossimo anno…

 

 

Annunci

Chi sono

Zenone (non il filosofo, ma quello dell’ Opera al Nero) 63 anni, lavora in editoria, una grande passione per la cucina, una compagna l’ “Apprensiva” due figlie la “Tennica” e l’ “Artista” una nipote “ La Perla di Labuan, una ex moglie poco ex l' Irriducibile e un procedimento penale in corso per una vicenda medico-farmaceutica. Io mi dichiaro innocente (come tutti, anche quelli nel braccio della morte) ma posso invocare la testimonianza di quelli che mi conoscono : non sono mai passato con 11 pacchetti nella cassa da 10. Il 25 ottobre sono stato sollevato dagli "arrosti" ma Woodstock resta in gabbia fino a che la faccenda non sarà conclusa......03-02-12 ASSOLTO PERCHE' IL FATTO NON SUSSISTE 11-09-12 si aggiunge al gruppo il Paziente friulano, marito che, pur essendo italiano e ivi residente, la Tennica ha trovato in Patagonia. Nella compagnia è sempre più presente SuperMax, nipote diciottenne dell'Apprensiva, tanto entusiasta della vita quanto disinteressato alla scuola.

Scrivimi

zenone@arrostidomiciliari.it

Controllo delle é / è, ortografico a posteriori a cura della Tennica

Con questa ricetta partecipo al contest indetto da Cucina Semplicemente in collaborazione con Farina Antiqua macinata a pietra

Categorie

Annunci