You are currently browsing the tag archive for the ‘Festivaletteratura’ tag.

imagesAnche quest’anno il Festivaletteratura è finito portandosi via l’ultimo scampolo di estate, siamo ripartiti carichi di tortelli di zucca, parmigiano 30 mesi e salami presi al mercato dei contadini e con un bel ricordo di cose sentite e pensate.
L’esperienza con la Perla e Giò è stata positiva, un po’ di complicazioni per la gestione dei tempi e degli spostamenti, ampiamente ripagate dalle facce felici per gli incontri, temevamo la fatica di giornate intere passate fuori, ma alla sera mentre noi stramazzavamo davanti a una bibita, loro giocavano ad acchiaparella ( gioco che non prevede feeling e cooperazione…..) Commovente l’incontro con la moglie di Terzani, la Tennica è impallidita quando si è parlato dell’ultimo discorso fatto al matrimonio della figlia, ma io ci sto riflettendo ( cittadini, romani, compatrioti…quo usque tandem….sarò breve e circonciso…). Deludente Aciman, troppo professore di Cambridge. In complesso è stata un’edizione un po’ sotto tono, l’Artista non è d’accordo, ma lei è parte in causa;  forse per i soldi, forse per il fiorire di altri festival, ma noi che sono più di quindici anni che lo frequentiamo ci ricordiamo edizioni con tre premi Nobel tre….

La Perla
Ha partecipato alle iniziative volentieri, si è interessata e ha retto la fatica e gli spostamenti senza lamentarsi. Sono emersi però due elementi un po’ preoccupanti del suo carattere in formazione: quando si emoziona non riesce a gestire il sentimento e fa la faccia imbronciata da dura, un’autore alla firma le ha chiesto se era arrabbiata; negli ultimi tempi sta imparando a gestirsi da sola e quando qualche cosa va storta (in fondo ha solo undici anni), soffre,  si chiude, si arrabbia con se stessa e rifiuta ogni aiuto.

L’Artista

La Lettrice è andata molto bene, ma l’Artista ha una cronica difficoltà a gestire il suo tempo: è come se avesse solo il pulsante on/off senza il cursore che permette di gestire gli inevitabili aggiustamenti e compromessi fra diverse priorità che sono il sale delle attività sociali; questo sicuramente la danneggia sul lavoro, ma rende anche difficile la vita di chi gli sta vicino.

La Tennica e il Paziente

Hanno portato un sostanzioso contributo nella gestione e nella piacevolezza delle ultime due giornate, la Tennica mi critica per la fretta del fare, poi da vera milanese quando il frappé della Perla tarda mormora questi a Milano sarebbero morti…

Giò

Interessato, partecipe, restituisce con entusiasmo il racconto degli avvenimenti, stuzzica la Perla senza pietà e se gli si dà da mangiare, una Gazzetta e non gli si fa fretta ai musei è come non averlo

SuperMamma*

E’ riuscita a coniugare la sua passione per i russi con una fattiva collaborazione nella gestione dei marmocchi, riuscendo a staccarsi di quando in quando dal suo bambino, epica nel litigio di fine evento con Giò che era stato strappato prematuramente da Palazzo Te

Apprensiva

In questa edizione era svogliata, però si è entusiasmata un paio di volte e ha buttato acqua fredda e buon senso su tutte le tensioni.

* dopo vive proteste e attenta riflessione la SuperApprensiva è stata modificata in SuperMamma

Annunci

Quest’anno a Mantova abbiamo avuto l’ en plein: è stato trascinato dall’amore anche il Riflessivo, fidanzato della Tennica, ed è sopravvissuto. Qualche volta ci guardava un po’ attonito, come davanti a una acquario di pesci pirana: io e l’Artista discutenti e prevaricatori (ognuno dei due è convinto di avere la Verità e di doverla condividere a forza con gli astanti) la Tennica, che al solito, sottovoce è come quei giocatori di rugby che fannno finta di non esistere e poi all’improvviso vanno a meta con il pallone sotto la maglia, l’Apprensiva che un po’ a parole un po’ a calci sotto il tavolo cerca di mantere il dibattito nella decenza.
Ha fatto un caldo tremendo, il programma mi sembrava un po’ povero ( non per l’Artista in preda a furori intellettuali…) ma me la sono goduta un mondo un po’ per la compagnia un po’ per non aver dovuto correre da un dibattito all’altro come un pazzo.

Ezra
Aggirarsi senza fretta per le piazze e sentire allo stand di Fahrenheit la nipote  ( o era la figlia?) di Pound lamentarsi perché i Cantos sono poco letti e aggiungere che per leggerli sarebbe meglio avere un vocabolario latino e greco

Orlando
Letture dell’Orlando Furioso a Palazzo Tè, un grande Benni e una deficiente che distribuiva sassolini e anziché leggere ci spiegava quanto era colta lei

Angolo
Ho scoperto un angolo di giardino dove fanno le interviste agli autori, basta stare in una panchina vicino e lo spettacolo è assicurato

Loretta
Dibattito sull’uscita dall’euro, delusione per Loretta Napoleoni: una vocetta petulante e come principale argomento Noi in Inghilterra … Ma noi non siamo l’Inghilterra ( per fortuna…)

Concita
Concita De Gregorio non ha ancora metabolizzato l’uscita dall’Unità e odia l’aria condizionata ( senza se e senza  ma  …)

Mala tempora currunt
Se anche nei bagni del Museo dell’Arcivescovado hanno abolito la segregazione sessuale, siamo al declino dell’occidente

Erotismo
Vivace discussione con l’Artista su Blog, Twitter e Facebook, la mia conclusione : è la solita storia, il mio è erotismo e la tua pornografia

Propositi
Ho dichiarato ufficialmente che ca custa l’on ca custa il prossimo anno la Perla viene al Festival

Ad memoriam
In macchina Io meditabondo pensa che bello quando la Perla racconterà ai sui figli che suo nonno portava tutti al festivalletteratura Apprensiva ???!!!! Io, mesto  peccato non esserci per sentirlo…..

Quest’anno il rientro in città è stato traumatico come al solito: rimettere le scarpe dopo 4 settimane, la puzza, lavorare,  una vera tragedia, ma un po’ meno angosciante; l’anno scorso avevo passato l’estate a scorrere le carte del processo che mi aspettava, mentre quest’anno restano solo…. i conti degli avvocati.
Appena rientrato l’Apprensiva mi ha chiesto di fare un minestrone, è un “confort food” e in Puglia non si riusciva a fare, non per mancanza di materia prima, ma per il caldo eccessivo. E’ venuto abbastanza bene, ma ne ho fatto una quantità eccessiva che ho in parte surgelato. L’ho mangiato la prima sera, la seconda è venuta la Tennica e le ho offerto speranzoso una pasta col pesto salentino, ma lei ha preferito il minestrone e l’ho rimangiato, il giorno seguente sono andato a Torino dall’Artista per riportagli il materiale del campeggio assistito e lei mi ha proposto fiera un suo minestrone, che ho magiato senza fare un plissé, destino…….
La prossima settimana si riparte per il Festival della Letteratura di Mantova, ultimo scampolo di vacanza, con la squadra quasi al completo: Io, l’Apprensiva, l’Artista, la Tennica e il di lei fidanzato per il battesimo letterario, unica ingiustamente esclusa dall’egoismo di madre e zia: la Perla, quando abbiamo prenotato a uno dei soliti ristoranti Fragoletta, ci hanno detto: cresciuta eh…. la famiglia … Mi ha fatto piacere un sacco.

Insalata al bergamotto
Le insalate semplici di solito le condisco con olio e senape per non farle sembrare troppo svenevoli, quest’anno al solito negozzietto di Martina Franca abbiamo comprato: pasta, caciocavallo, capocoppo di MF (eccezionale) e un olio al bergamotto dell’ Antica Masseria Caroli , con l’insalata si è rivelato ottimo: il sentore di agrumi e il lieve gusto amaro hanno dato carattere e fragranza al piatto.

Da più una decina d’anni il Festivaletteratura di Mantova per noi è come una sorta di “petit patisserie” che conclude le vacanze estive. La città è piccola e affascinante, si mangia bene, il clima solitamente è mite con un ultimo “refrain” dell’estate e le persone che  abitano il festival: autori, volontari, pubblico ci riconciliano con l’Italia anche nei momenti peggiori. Quest’anno la Sig.ra B. la nostra loquace affittacamere ha deciso di tirare i remi in barca gettandoci nello sconforto da perdita di vecchie abitudini e preoccupazione per il futuro, anche perché la nostra presenza al Festival ha molte variabili essendo coinvolte la Tennica, l’Artista, eventuali amici e forse la Perla quando zia e mamma smetteranno di fare ostruzionismo.
Abbiamo quindi deciso di fare una visita esplorativa sabato per verificare eventuali sistemazioni. La situazione pareva difficile perché i posti letto in città si tramandano di anno in anno, ma fortunatamente la crisi generale dei giornali ha ridotto la presenza dei giornalisti (abili a trovare le migliori sistemazioni) aprendo alcune possibilità. Appena arrivati, prima di renderci conto, abbiamo cominciato automaticamente a correre come dovessimo andare a qualche evento, ci siamo guardati negli occhi e ci siamo piazzati in un caffè per pianificare la ricerca. L’Apprensiva era stata un po’ approssimativa nella preparazione e c’è stata un po’ di tensione quando ha capito che io ero più interessato al mercato dei contadini che alla ricerca dell’alloggio. Il mercato è molto allegro, ci sono contadini veri ed è frequentatissimo, ho comprato: parmigiano stagionato, miele di castagno, noci, fiocco di maiale stagionato intero, qualche fetta di un prosciutto senz’osso strepitoso e ho mancato per esaurimento la “pancetta salamata” non so cos’è, ma dal nome mi pareva buonissima, sarà per la prossima volta…

Pranzo molto soddisfacente da Fragoletta con salame scottato alla polenta, spalla cotta con mostarda e bigoli al torchio.

Non amo le file, un po’ per la noia di perdere tempo che potrei impiegare in modo parimenti inutile, un po’ per la tensione che in un paese anarchico si genera dalla possibilità di dover litigare  qualche prevaricazione. A Mantova é diverso: la coda fa parte integrante dell’esperienza del Festival.
Esistono due tipi di coda

  • quella dei sommersi, aspiranti partecipanti senza biglietto trepidanti e uniti nell’attesa del primo verdetto (biglietti disponibili dopo le prevendite) e dell’appello ( posti disponibili per rinuncia)
  • quella dei salvati, in possesso del biglietto, in fila per i posti  migliori vicino al proprio idolo o semplicemente perché non sanno cosa fare e preferiscono stare in piedi in compagnia.

Tutte e due le code hanno un clima rilassato, ci si conosce, si solidarizza per i piccoli inconvenienti e si commentano gli incontri passati. Questa cordialitá si trasforma in sdegno da Pelide Achille per i furbi. Le discussioni sono brevi  partono dall’educato/indignato per arrivare  a sfiorare lo scontro fisico con l’allontanamento del reprobo. La categoria dei furbi in genere é affollata da signore di mezza etá pittate e ingioiellate. E’ ammesso tenere un posto per compagno/a,  al  secondo posto ti guardano già storto. Abbiamo pranzato all’Osteria Piazza Sordello dove l’ Apprensiva ha mangiato una Tinca affumicata in crema di zucca notevolissima.

Incontri rilevanti:
lettura di opere di Tagore, uno dei pochi poeti che riesco a leggere,  sono  poesie simili ad acqua trasparente, carica di colori profumi e sentimenti
Bergonzoni incontrato per caso mentre strepita da una finestra di Piazza Canossa dedicando le sue opere alle suocere antropofaghe e ai loro generi alimentari
Passi quotidiani sui quantistici collassi non posso dire di aver capito moltissimo ( memo il prossimo anno evitare lo stracotto d’asina con polemta prima degli incontri sulla quantistica) ma sono argomenti affascinanti e mi avvicinano alla comprensione del mondo femminile. Esemplificazione al femminile della teoria di Schrodinger sugli stati contemporanei in meccanica quantistica ( gatti vivo / gatto morto) Domanda Sono grassa? Risposta quantistica Sei magra, ma se hai intenzione di metterei a dieta sei anche lievemente sovrappeso…

I volontari sono uno degli aspetti migliori del Festivaletteratura: 600  fra maschi e femmine con le loro magliette blu,  età fra i  16 e i 22 anni, alti e bassi, belli e brutti sono accomunati dallo sguardo un po’ vago di chi legge. I primi giorni sono freschi e un po’ imbranati, si muovono in punta di piedi tessendo relazioni fra loro.  Ci sono quelli più anziani con compiti specifici e infine i marescialli con una fascia gialla C (come capo) al braccio, potrei uccidere per quella fascia!
Incontro spumeggiante con  De Cataldo autore de I Traditori uno dei migliori romanzi sul Risorgimento usciti ultimamente. L’Apprensiva ha incontrato Pandiani un suo ex compagno di liceo diventato autore di noir di successo. L’ha subito riconosciuta e l’ha salutata dicendogli L’ avresti mai detto che l’ultimo della classe…..Pranzo all’ Osteria ai Ranari con un antipasto di sarde di lago sottolio con cipolle  di Tropea su polenta di grano saraceno entusiasmante.

Nel pomeriggio incontro con Ala al Aswani autore di Palazzo Yacoubian  un libro scoperto quattro anni fa sempre a Mantova e che preconizzava, con grandi rischi per l’autore, la rivolta alla dittatura.
Surrealismi
Mantova è anche un’occasione per seguire temi off topics rispetto ai propri interessi. Io ero curioso di saperne di più sul gruppo Bloomsbury  e quindi sono andato all’incontro con Angelica Garnet arzilla vecchietta inglese, nonché nipote di Virginia Wolf. L’intervistatore dopo una breve e confusa presentazione, (Angelica ha fatto molte cose nella vita pittrice, ballerina, musicista e da ultimo scrittrice) da cui di capisce che non ha la minima idea di chi ha di fronte, comincia Sua nonna era una donna bellissima e intelligente ci può parlare  di lei ? Angelica con asciuttezza britannica Non posso sono nata vent’anni dopo la sua morte Intervistatore imperterrito Suo nonno é stato il primo a formare un circolo intellettuale influente, che ricordi ha? Angelica  un po’ a disagio Non posso dirlo non l’ho mai conosciuto A questo punto l’intervistatore si porta su terreni più solidi La sua casa é stata trasformata in museo come la vive? Angelica In effetti é un po’ strano, ma io vivo da tempo in Francia, comunque sono contenta che sia tutto conservato . L’incontro prosegue fra domande banali fra cui svetta Come é  che lei, figlia di due pittori, ha scelto di dipingere? Il pubblico non rumeriggia per rispetto dell’anziana signora e l’incontro si conclude fra altre banalità.

Cose buone della vita avere una progenie attenta (leggasi ipercritica) e ricevere ogni tanto un complimento (dallaTennica) che ti commuove e che ti terrai caro per parecchio.

Come tradizione  da una decina d’anni facciamo un ultimo supplemento di vacanze a Mantova in occasione del Festivaletteratura. Abbiamo cominciato con un giorno, adesso partiamo il giovedì mattina, ho lavorato duramente l’ultima settimana così non mi sento troppo colpevole e me la godo. Affittiamo due stanze nel deliziosi Bed & Breakfast della Sig.ra Bianca e l’ Artista, la Tennica e le loro amiche  sono invitate permanenti, la Perla deve aspettare di avere l’ etá ( io sospetto che mamma e zia non vogliano impicci…), quest’anno c’é solo la Tennica con qualche amica. Mantova é un buon ricostituente per affrontare l’inverno: la cittá é piccola ed affascinante, si mangia benissimo ( solo a pranzo perché la serata é densa di appuntamenti), guardare i volontari adolescenti con le loro magliette blu allarga il cuore, sentire i tuoi autori preferiti e quelli sconosciuti che hai scelto nel menù allarga la mente e fa sperare per il futuro.
Gli incontri con gli autori riescono sulla base di una particolare alchimia: autore disponibile, intervistatore che ne conosce l’opera e non vuole parlare di se, pubblico frizzante ma non molesto (gli insegnanti con le loro domande che hanno già la risposta hanno l’effetto del bromuro)a prescindere dall’autore, a volta funziona, altre volte un po’ meno, qualche volta il pubblico (prenotante e pagante) s’incazza di brutto. Mi ricordo Terzani meravigliato da tutto quel pubblico sederesi sul tavolo e dire: Sono  un Fiorentino, non sono mica un guru! Eco palloso e cattedratico (da giovani rivoluzionari e da vecchi pompieri …),  il pubblico in una serata fredda che insultava due scrittori americani che parlavano solo fra loro. L’incontro con Christopher Moore autore fantasioso di cui Uno sporco lavoro é un gioiello é andato così così, peccato perché era l’inventore del “maschio beta”: quello più debole complessato ma intelligente che mentre il maschio alpha si fa ammazzare consola le vedove e propaga la specie.

Ps cose buone della vita: aspettare in stazione figlie o/e nipoti che arrivano e incrociano per qualche giorno le rotaie della loro esistenza

Chi sono

Zenone (non il filosofo, ma quello dell’ Opera al Nero) 63 anni, lavora in editoria, una grande passione per la cucina, una compagna l’ “Apprensiva” due figlie la “Tennica” e l’ “Artista” una nipote “ La Perla di Labuan, una ex moglie poco ex l' Irriducibile e un procedimento penale in corso per una vicenda medico-farmaceutica. Io mi dichiaro innocente (come tutti, anche quelli nel braccio della morte) ma posso invocare la testimonianza di quelli che mi conoscono : non sono mai passato con 11 pacchetti nella cassa da 10. Il 25 ottobre sono stato sollevato dagli "arrosti" ma Woodstock resta in gabbia fino a che la faccenda non sarà conclusa......03-02-12 ASSOLTO PERCHE' IL FATTO NON SUSSISTE 11-09-12 si aggiunge al gruppo il Paziente friulano, marito che, pur essendo italiano e ivi residente, la Tennica ha trovato in Patagonia. Nella compagnia è sempre più presente SuperMax, nipote diciottenne dell'Apprensiva, tanto entusiasta della vita quanto disinteressato alla scuola.

Scrivimi

zenone@arrostidomiciliari.it

Controllo delle é / è, ortografico a posteriori a cura della Tennica

Con questa ricetta partecipo al contest indetto da Cucina Semplicemente in collaborazione con Farina Antiqua macinata a pietra

Categorie