You are currently browsing the tag archive for the ‘morte’ tag.

Approfittando del fatto che l’Artista é ospite del Festival dove lavora con la Lettrice, abbiamo tre New Entry  nella banda: la Perla, Gió e la sua mamma la Superapprensiva. Il viaggio di andata é stato funestato dal cattivo umore della Perla, mancava solo che ringhiasse… poi tutto si é superato con un chiarimento P non ce l’ho con voi é solo che volevo esserci con la mia mamma ! Io ma deve lavorare, vedi come é felice? P. certo! é da parecccchio che non la vedo cosí e un pensiero concorde con Gió nel criticare il loro primo incontro Il nostro posto sul mondo di Nicoletta Lanciano, la Perla e Gió in coro era una schifezza, roba da bambini piccoli… Volevano farci credere di essere al polo nord e che un albero potesse arrivare al centro del mondo… Io  la solita cialtronata di chi crede che i bambini siano degli adulti deficienti e che non si possa spiegargli il mondo in modo scientificamente corretto   Ma non c’è niente di meglio della tigna per affratellare gli animi e i due hanno partecipato agli altri appuntamenti con grande concordia inframmezzata con litigi da vecchia coppia. Al battistero Io  pensate é vecchio di mille anni P. Davvero? Gió veramente sono 920….Fra gli incontri rimarchevoli per me quello sulla Morte umana con Marie de Hennezel in cui si spiegava come comunicare alla famiglia e non al paziente che le cure disponibili attualmente sono esaurite crei un muro nell’ultimo periodo di vita. Daverio nell’incontro su Nuvolari e la velocità fa un discorso erudito che non dice nulla e non parla di Nuvolari. Sontuoso pasto ai  Ranari  in cui si é distinto un tortino di zucca con crema di taleggio e spek croccante che mi hanno rubacchiato tutti i commensali

Annunci

In generale, se interpellata in momenti da lei non giudicati consoni ( film in televisione, giochi in corso, arrivo della sorella…) cioè quasi tutti, la Perla risponde a monosillabi incollando alla fine a mo’ di cerotto un Ti voglio tanto bene!. In questo in non è molto diversa da tutti noi alla sua età ( saluta il nonno….lo zio… la signora, chi non se lo ricorda…).
Tutte le regole hanno però un’eccezione e quindi ieri sera abbiamo avuto una lunga conversazione su temi vari: P. ciao nonno mi ha detto la mamma che mi volevi salutare Io certamente come stai ? P. benissimo, quando posso venire a Milano? Io quando vuoi, basta che ti metta d’accordo con i tuoi e me lo dica, così preparo un programma P. hai Sky cinema? Io non più, ma scarico i film a noleggio da internet P. qui non si può, quando guardo la televisione il computer lo usa sempre la mamma Io ma poi a Milano andiamo a vedere il cartone dei pirati P ci sarebbe forse quello dei Titani… ma forse è meglio i Pirati. P, discorsiva, sono andata a un pigiamo party Io, dubbioso, quanti eravate? P. io e la mia amica Io allora non era un pigiama part, era una notte con la tua amica P. vabbè… ma forse lo faccio per il mio compleanno Io forse è un po’ presto….P. forse il mio compleanno lo festeggio a Venaria Io accidenti il compleanno in un castello! P. precisa è una reggia, comunque forse….Io hai saputo che la zia sta male? P. certo, speriamo che guarisca… Io ma sicuro è solo un mal di gola P. e se non guarisce? Io guarda che è solo un mal di gola, la zia è un po’ una piaga ma è forte P. e se ha il cancro ? Io non dire stupidaggini e comunque i figli devono morire dopo i genitori quindi semmai tocca a me P. dubbiosa forse sarebbe meglio insieme Io definitivo neanche per sogno si va per ordine: i genitori invecchiano e poi muoiono.. si va per ordine. Ogni tanto capita il contrario ma è orribile P. poco convita vabbè….
La conversazione continua su temi vari per una mezz’oretta, con un finale da adolescenti ( attacchi tu, no attacco io) la Perla è in quell’età strana in cui sulla trama della sua personalità di bambina cominciano apparire come filoni di miniera le venature di quello che sarà da ragazza

La Tennica dopo aver raccontato alla Perla le sue avventure agli antipodi, dimenticandosi di una vaga promessa fatta mesi fa, ha chiesto E tu dove vorresti andare? P. con falsa aria sognante Veramente.. avrei un sogno… T. indagatrice E quale? P. perfida Andare a Barcellona come mi avevi promesso! T. colta in fallo Mah.. veramente dovevamo combinare con la mia amica F. e la sua bimba, ma bisogna vedere se può spendere P. tassativa Che problema li metti tu! T. pensando che fare una promessa a un bambino di otto anni è come firmare un mutuo in banca Si..si.. potremmo andare a maggio o a giugno P. A giugno no! C’è il mio compleanno! T. Guarda che andiamo via quattro giorni non tutto il mese P. conciliante Allora va bene, ma se mi viene la varicella? T. clinica Aspettiamo che tu guarisca e andiamo P. indagatrice E se muore la Nonna C.? P. indignata Ma cosa dici!?!! P. alternativa Ma se allora muore la Nonna A ? T. straindignata Guarda che non è perché era la mia mamma e che queste cose non si dicono!!! P. conciliante ma problematica Va bene, va bene…. ma la peste esiste ancora ?

Il mio primo incontro con il pc è stato con un coso marron beige, con lo schermo a caratteri gialli, che parlava solo dos, ma è ero affascinato da quell’aggeggio che faceva cose interessanti (sopratutto elenchi) sulla base di ordini criptici da stregone medioevale. Poi è arrivato il primo mac, quello senza hard disk,  un coso strano che ti parlava con umanità e con cui potevi realizzare subito un mucchio di cose utili e interessanti. L’unico programma esoterico era Hyperlink (ancora adesso mi chiedo cosa servisse). Poi ho continuato prodotto dopo prodotto, ricordo con affetto il primo portatile e quello che veniva mangiato dal box della scrivania (fatto comprare all’azienda con l’inganno). Sono rimasto un fedele anche nel periodo buio e non me ne pento…

Steve è morto e mi sono accorto che è quasi come fosse mancato uno di famiglia, non uno stinco di santo come molti di famiglia, ma uno dei tuoi e mi dispiace anche se era previsto da molto tempo…….La morte è una severa democratica.

Chi sono

Zenone (non il filosofo, ma quello dell’ Opera al Nero) 63 anni, lavora in editoria, una grande passione per la cucina, una compagna l’ “Apprensiva” due figlie la “Tennica” e l’ “Artista” una nipote “ La Perla di Labuan, una ex moglie poco ex l' Irriducibile e un procedimento penale in corso per una vicenda medico-farmaceutica. Io mi dichiaro innocente (come tutti, anche quelli nel braccio della morte) ma posso invocare la testimonianza di quelli che mi conoscono : non sono mai passato con 11 pacchetti nella cassa da 10. Il 25 ottobre sono stato sollevato dagli "arrosti" ma Woodstock resta in gabbia fino a che la faccenda non sarà conclusa......03-02-12 ASSOLTO PERCHE' IL FATTO NON SUSSISTE 11-09-12 si aggiunge al gruppo il Paziente friulano, marito che, pur essendo italiano e ivi residente, la Tennica ha trovato in Patagonia. Nella compagnia è sempre più presente SuperMax, nipote diciottenne dell'Apprensiva, tanto entusiasta della vita quanto disinteressato alla scuola.

Scrivimi

zenone@arrostidomiciliari.it

Controllo delle é / è, ortografico a posteriori a cura della Tennica

Con questa ricetta partecipo al contest indetto da Cucina Semplicemente in collaborazione con Farina Antiqua macinata a pietra

Categorie