You are currently browsing the tag archive for the ‘Vassilj Grosmann’ tag.

OLYMPUS DIGITAL CAMERAQuest’anno abbiamo fatto cinque settimane piene, pensavamo che avremmo girato un po’, ma invece siamo stati presi dalla “messicana” e abbiamo seguito il nostro tran tran di letture/bagni/cucina con un’unica memorabile trasferta a Galatina
Cucina un solo incidente: il riso fritto con pollo, ma rimedierò a Milano, l’Artista che era partita sono quasi vegetariana e non mangio gli affettati…è arrivata a mangiare di gusto tutto e gli altri della banda non sono stati da meno
Libri alcuni memorabili: l’ Orlando Furioso, dopo un’iniziale difficoltà mi sono divertito un sacco, da consigliarsi a tutti gli amanti del fantasy d’autore, Storia della guerra civile americana di R. Luraghi enorme e documentatissimo, forse un po’ esagerato per la parte militare, fa venir voglia di approfondire la storia americana ( ho sentito anche una trasmissione su Radio  3 sui Quaccheri, l’idea di una tolleranza religiosa che non nasce dal relativismo è interessantissima, bisognerebbe spiegarla ai Jaadisti) Vita e destino di V. Grossman un romanzo monumentale russo all’epoca di Stalingrado, stupendo: storie di vite intrecciate e riflessioni sulla libertà, lo stato, la cultura, consigliato a tutti quelli che amano Tolstoj, Pasternak e Bulgakov
La Perla è in pre-adolescenza, discute con passione e intelligenza, rimbecca spietatamente sua madre, ma si fa coccolare, è aperta agli imput nuovi e grazie a qualche sollecitazione ( se non lo chiedi in rima non ti do il telefonino..) ha imparato a scrivere in versi, memorabile il mio regalo di compleanno fatto in collaborazione con l’Artista: cinque strofe in rima baciata dense di contenuto
L’Artista quest’anno era più rilassata, socievole e discorsiva, se pur con qualche attacco di A.A.*, è stato un piacere averla in casa e un dispiacere quando è partita
La Tennica & il Paziente pure se fugace il loro arrivo ha arricchito e vivacizzato la comunità, ormai come coppia sono passati  da “ amo tutti i tuoi difetti” a  “ conosco i tuoi difetti e ti amo egualmente” segno di maturità e stabilità. Con il Paziente abbiamo fatto E.R. con il braccino della Tennica ( la Tennica è sfortunata, da piccina al pronto soccorso dell’Ospedale infantile quasi la chiamavano per nome) ma ho vinto io perché avevo l’antibiotico…

*Sindrome dell’Adolescente Attempato, scoperta negli anni “80 dal Prof. Herbert Shumpetter del  Bethesda Hospital e inserita nel 1987 nel DSM IV colpisce in prevalenza ( 78%) il genere femminile post baby boom ed è caratterizzato dai seguenti sintomi:

  • Modifica del MLT ( memoria a lungo termine) Dichiarativa : alcune fattualità normali nelle dinamiche familiari vengono filtrate facendone emergere solo gli elementi negativi tali da  ricostruire un passato di vessazioni
  • Modifiche nel sistema limbico tale da sviluppare un atteggiamento ingiustificatamente contrapposto a qualsiasi dichiarazione degli ascendenti biologici ( es A Hitler era molto molto cattivo B Infondo però aveva anche costruito le prime autostrade) e una consolidata convinzione della limitata capacità cognitiva degli stessi
  • Pulsione a disporre gli oggetti di pertineneza secondo lo schema di moto browniano 
  • Profonda convinzione che un’entità occulta ma potentissima congiuri per vanificare le proprie legittime attività
  • Distorsione cognitiva nella percezione dei problemi, vissuti come insormontabili con la conseguente  valutazione negativi sia a livello operativo che funzionale di qualsiasi offerta d’aiuto

Stadiazione: da 1 a 3 medio/lieve  da 4 a 5 severo

Storia naturale: la sindrome appare generalmente verso i 24/25 anni come prolungamento dell’adolescenza e può svilupparsi con diversi gradi d’intensità fino ai 60. Negli individui di sesso femminile fertili regredisce all’adolescenza delle figlie femmine per effetto omeopatico o al matrimonio dei maschi per effetto reattivo verso la nuora. Nei soggetti maschi è di sviluppo più moderato e in genere benigno, ma può sfociare in fenomeni gravi quali fidanzamenti o acquisti di motoveicoli da parte di ultrasessantenni

Terapia: al momento non esiste terapia farmacologica e anche quella comportamentale trova ostacolo nella forte reattività del soggetto che rifiuta di riconoscere lo stato patologico. In letteratura si trova qualche beneficio nell’alimentazione a base di latticini freschi in località a clima caldo e talassoterapia

Annunci

Chi sono

Zenone (non il filosofo, ma quello dell’ Opera al Nero) 63 anni, lavora in editoria, una grande passione per la cucina, una compagna l’ “Apprensiva” due figlie la “Tennica” e l’ “Artista” una nipote “ La Perla di Labuan, una ex moglie poco ex l' Irriducibile e un procedimento penale in corso per una vicenda medico-farmaceutica. Io mi dichiaro innocente (come tutti, anche quelli nel braccio della morte) ma posso invocare la testimonianza di quelli che mi conoscono : non sono mai passato con 11 pacchetti nella cassa da 10. Il 25 ottobre sono stato sollevato dagli "arrosti" ma Woodstock resta in gabbia fino a che la faccenda non sarà conclusa......03-02-12 ASSOLTO PERCHE' IL FATTO NON SUSSISTE 11-09-12 si aggiunge al gruppo il Paziente friulano, marito che, pur essendo italiano e ivi residente, la Tennica ha trovato in Patagonia. Nella compagnia è sempre più presente SuperMax, nipote diciottenne dell'Apprensiva, tanto entusiasta della vita quanto disinteressato alla scuola.

Scrivimi

zenone@arrostidomiciliari.it

Controllo delle é / è, ortografico a posteriori a cura della Tennica

Con questa ricetta partecipo al contest indetto da Cucina Semplicemente in collaborazione con Farina Antiqua macinata a pietra

Categorie

Annunci